Il bilancio delle vittime del coronavirus giornaliero in Italia scende

Lunedì l'Italia ha riportato meno decessi a livello nazionale a causa del coronavirus di quanto non abbia avuto dall'inizio di marzo, confermando leggermente meno di 100 decessi aggiuntivi rispetto al totale di domenica.

Davide

19 mag, 2020

66 Visite
0 Commenti
Presspay

  19 mag, 2020

  News

Il bilancio delle vittime del coronavirus giornaliero in Italia scende


Il bilancio delle vittime del coronavirus giornaliero in Italia scende

Il bilancio delle vittime del coronavirus giornaliero in Italia scende sotto i 100 per la prima volta in oltre due mesi

Lunedì l'Italia ha riportato meno decessi a livello nazionale a causa del coronavirus di quanto non abbia avuto dall'inizio di marzo, confermando leggermente meno di 100 decessi aggiuntivi rispetto al totale di domenica.

Secondo il Ministero della Salute, il bilancio delle vittime in Italia a causa della malattia respiratoria è aumentato di 99 tra domenica e lunedì, continuando un costante declino delle segnalazioni di mortalità di un giorno nelle ultime settimane.

L'ultima cifra ha segnato una pietra miliare significativa per il paese europeo più colpito dalla pandemia. L'Italia ha registrato morti giornaliere in quantità considerevolmente più elevate rispetto alle altre nazioni europee dall'inizio dello scoppio globale. Prima di lunedì, il conteggio della mortalità in un solo giorno in Italia non era sceso sotto i 100 dall'11 marzo, quando sono stati confermati 41 nuovi decessi.

Il numero di lunedì segue una tendenza al ribasso della curva dell'epidemia in Italia, sia per quanto riguarda le nuove segnalazioni di mortalità sia per i casi positivi. I dati pubblicati dal Ministero della Salute hanno rilevato che quasi il doppio delle persone si era ripreso dal virus rispetto al numero di quelle ancora infette, con 66.533 casi attivi confermati, rispetto a 127.326 recuperi.

Di tutti i 225.886 casi positivi segnalati in Italia dalla fine di febbraio, almeno 32.007 persone sono morte a partire da lunedì pomeriggio. Più dell'87% è deceduto prima dell'inizio di maggio, a seguito di un'impennata iniziale di vittime segnalate nelle ultime settimane di marzo. L'Italia ha confermato la sua prima morte per virus il 25 febbraio. Al 31 marzo, il bilancio delle vittime era superiore a 12.000.

Quel bilancio è stato il più alto del mondo fino a quando non è stato superato dagli Stati Uniti a metà aprile. Un mese dopo, il bilancio delle vittime negli Stati Uniti ha superato di quasi il 300 percento l'Italia. A partire da lunedì, 90.193 residenti negli Stati Uniti sono morti a causa del virus, secondo un tracker della Johns Hopkins University. Le morti nel Regno Unito, che sono ammontate a 34.876 lunedì, sono aumentate anche al di sopra delle cifre dell'Italia.

La recente flessione della curva dell'epidemia in Italia, così come le intenzioni di rivitalizzare l'economia della nazione, hanno spinto i leader del governo a revocare le restrizioni di blocco che erano in atto da più di due mesi. A seguito di un annuncio del Primo Ministro Giuseppe Conte, i ristoranti, i saloni e i negozi al dettaglio sono stati autorizzati a riprendere le attività lunedì, con protocolli aggiuntivi in ​​atto per promuovere gli sforzi di mitigazione dei virus in corso. Il 25 maggio seguiranno strutture per il fitness e altri centri ricreativi pubblici e ai viaggiatori sarà permesso di entrare in Italia da altre aree dell'Unione Europea senza sottoporsi alla quarantena dopo il 3 giugno. I teatri rimarranno chiusi fino al 15 giugno.

Come riportato in precedenza da Newsweek, Conte ha riconosciuto che riaprire l'Italia significava "affrontare un rischio calcolato nella consapevolezza che la curva di contagio potrebbe risalire". L'Italia è stata il primo paese europeo a imporre un blocco a livello nazionale in risposta alla pandemia e non ha iniziato a allentare le restrizioni fino al 4 maggio, quando i parchi pubblici sono stati riaperti, i servizi funebri potevano aver luogo con meno di 15 persone presenti e ai residenti era permesso viaggiare all'interno delle proprie regioni.

Presspay 2020

Commenti

Devi accedere per poter commentare.


Le città italiane riaprono dopo due mesi di blocchi del coronavirus
Le città italiane riaprono dopo due mesi di blocchi del coronavirus
News

L'Italia ha iniziato ad allentare le restrizioni al blocco del coronavirus e alcuni negozi, ristoranti e musei sono stati riaperti per la prima volta in due mesi.

negoziristoranticoronaviruslitaliacoronavirus


I pazienti giacciono immobili in un reparto di terapia intensiva dell'ospedale.
News

Ha documentato la crisi dell'Ebola in Africa occidentale. Ma girare all'interno di un ospedale combattere Coronavirus nella sua nativa Italia è stata una sfida più dura.

italiacoviddavverodocumentarioospedale

I pazienti giacciono immobili in un reparto di terapia intensiva dell'ospedale.
I pazienti giacciono immobili in un reparto di terapia intensiva dell'ospedale.
I pazienti giacciono immobili in un reparto di terapia intensiva dell'ospedale.
News

Ha documentato la crisi dell'Ebola in Africa occidentale. Ma girare all'interno di un ospedale combattere Coronavirus nella sua nativa Italia è stata una sfida più dura.

italiacoviddavverodocumentarioospedale


Davide

Davide


Appassionato di nuove tecnologie e sviluppo dell'intelligenza artificiale, amo comunque spaziare nel mondo della produzione, del podcasting e web radio.