I festival cinematografici di Cannes e Venezia virtuali

Nuovi dubbi incombono sul festival cinematografico di Cannes, colpito dal coronavirus, dopo che il suo direttore ha detto che tenerlo online sarebbe contrario.

Davide

11 apr, 2020

978 Visite
0 Commenti
Presspay

  11 apr, 2020

  Cinema

I festival cinematografici di Cannes e Venezia virtuali


I festival cinematografici di Cannes e Venezia virtuali

Nuovi dubbi incombono sul festival cinematografico di Cannes, colpito dal coronavirus, mercoledì dopo che il suo direttore ha detto che tenerlo online sarebbe contrario alla sua "anima".

Il più grande festival cinematografico del mondo è già stato rinviato alla fine di giugno a causa del virus.

Thierry Fremaux ha detto che avrebbe strappato il cuore al festival per renderlo virtuale, dopo che il più grande festival di animazione del mondo ad Annecy, sempre in Francia, ha detto martedì che stava cercando di andare online il 15 giugno.

Il principale rivale di Cannes, il festival del cinema di Venezia, che si svolge a settembre, ha anche affermato che era fortemente contrario a una tale mossa per aggirare le restrizioni imposte dalla pandemia.

"I film di Wes Anderson o Paul Verhoeven su un computer?" Fremaux ha detto, suggerendo che il festival doveva essere la prima della commedia stellata di Anderson "French Dispatch" e la "Benedetta" di Verhoeven, sulle visioni erotiche di una suora del 17 ° secolo.

Era impossibile pensare di "scoprire 'Top Gun 2' o 'Soul' (Pixar) altrove che in un cinema", ha detto a Variety.

A seguito dei festival statunitensi più piccoli colpiti da virus come Tribeca e South by Southwest trasferendosi online non avrebbe funzionato per Cannes, ha insistito Fremaux.

"È un modello che non funzionerebbe ... per Cannes - la sua anima, la sua storia, la sua efficienza", ha detto.

"Che cos'è un festival digitale? Dovremmo iniziare chiedendo ai titolari dei diritti se sono d'accordo."

Fremaux ha affermato che molti film come "French Dispatch" hanno già ritardato la loro uscita in modo che possano essere "proiettati su un grande schermo" dopo l'epidemia.

- "Prime su un iPhone?"

"Perché dovremmo volerli mostrare prima su un dispositivo digitale?" Egli ha detto.

Ha paragonato la magia di Cannes al torneo di tennis di Wimbledon a Londra, che secondo lui non poteva essere giocato a porte chiuse.

"Un festival come Cannes ha come protagonisti artisti, produttori, distributori e critici nella stessa sala", ha detto al quotidiano Le Monde.

"Non avrebbe senso" farlo in un altro modo, ha aggiunto.

Fremaux ha affermato che registi e produttori non vorrebbero una versione digitale del festival "in cui i loro lavori potrebbero finire su un iPhone".

La storia continua

Il festival del cinema di Venezia è anche fortemente contrario a andare online.

Mentre l'Italia è stata duramente colpita dalla pandemia, sta scommettendo sulle restrizioni alle riunioni pubbliche che verranno allentate in tempo per l'inizio di settembre.

Il suo regista Alberto Barbera ha affermato che mentre il festival del cinema di Toronto, che si sovrappone a Venezia, stava prendendo in considerazione l'idea di andare online, "non può essere paragonato a Venezia o Cannes. È un tipo diverso di festival".

"Lo scenario più pessimista è che la pandemia continuerà, il che ci obbligerebbe a prendere un anno sabbatico per un anno", ha detto all'agenzia di stampa italiana ANSA.

Ma potrebbe anche passare o "potrebbe esserci una situazione intermedia tra il festival, ma con restrizioni".

C'erano molte ragioni per essere ottimisti, sosteneva Barbara.

"La storia ci insegna che dopo periodi tragici arriva un cataclisma globale in cui possono svilupparsi molte energie inaspettate".

Presspay 2020

Commenti

Devi accedere per poter commentare.


Il bilancio delle vittime del coronavirus giornaliero in Italia scende
Il bilancio delle vittime del coronavirus giornaliero in Italia scende
News

Lunedì l'Italia ha riportato meno decessi a livello nazionale a causa del coronavirus di quanto non abbia avuto dall'inizio di marzo, confermando leggermente meno di 100 decessi aggiuntivi rispetto al totale di domenica.

italialunedbilanciovittimemarzo


Le città italiane riaprono dopo due mesi di blocchi del coronavirus
News

L'Italia ha iniziato ad allentare le restrizioni al blocco del coronavirus e alcuni negozi, ristoranti e musei sono stati riaperti per la prima volta in due mesi.

negoziristoranticoronaviruslitaliacoronavirus

Le città italiane riaprono dopo due mesi di blocchi del coronavirus
Le città italiane riaprono dopo due mesi di blocchi del coronavirus
Le città italiane riaprono dopo due mesi di blocchi del coronavirus
News

L'Italia ha iniziato ad allentare le restrizioni al blocco del coronavirus e alcuni negozi, ristoranti e musei sono stati riaperti per la prima volta in due mesi.

negoziristoranticoronaviruslitaliacoronavirus


Davide

Davide


Appassionato di nuove tecnologie e sviluppo dell'intelligenza artificiale, amo comunque spaziare nel mondo della produzione, del podcasting e web radio.